DIRITTOeLAVORO.com
Diritto e Lavoro, licenziamento, dimissioni

Informazioni e approfondimenti ¬

Associazione in partecipazione

Il contratto di associazione in partecipazione, previsto all'art. 2549 e ss. c.c., è il contratto con cui il soggetto associante attribuisce all'associato la partecipazione agli utili della sua impresa o di uno o più affari, verso il corrispettivo di un determinato apporto.

L'apporto può consistere anche in una prestazione di lavoro, ma non ha natura di prestazione subordinata.

I terzi assumono obblighi ed acquistano diritti soltanto verso l'associante, al quale spetta esclusivamente la gestione dell'impresa o dell'affare.

Il contratto può determinare il controllo che l’associato può esercitare sull'impresa o sullo svolgimento dell'affare, fermo restando il suo diritto al rendiconto.

Salvo patto contrario, l'associato partecipa alle perdite nella stessa misura in cui partecipa agli utili, ma le perdite che ricadono sull’associato non possono superare il valore del suo apporto.

Il D.Lgs. n. 276/2003 (art. 86, comma 2), al fine di evitare fenomeni elusivi della disciplina della legge e contratto collettivo, ha stabilito che, in caso di rapporti di associazione in partecipazione resi senza effettiva partecipazione e adeguate erogazioni a chi lavora, il lavoratore ha diritto ai trattamenti retributivi, contributivi, economici e normativi stabiliti dalla legge e dai contratti collettivi per il lavoro subordinato svolto nella posizione corrispondente del medesimo settore di attività, o, in mancanza di contratto collettivo, in una corrispondente posizione secondo il contratto di settore analogo, salvo che il datore di lavoro (o committente o utilizzatore) non comprovi, con idonee attestazioni o documenti, che:

  1. la prestazione rientra in una delle tipologie di lavoro previste dal decreto medesimo
  2. la prestazione rientra in un contratto di lavoro subordinato speciale o con particolare disciplina,
  3. la prestazione rientra in un contratto nominato di lavoro autonomo o altro contratto espressamente previsto dall’ordinamento.


Data: 23.12.2009
Autore: Avv. Andrea Totò, Avv. Ilaria Denni

AVVERTENZE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa è possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale con sedi in Roma o Milano.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.
©2003-2011 DirittoeLavoro.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3 validator