DIRITTOeLAVORO.com
Diritto e Lavoro, licenziamento, dimissioni

Informazioni e approfondimenti ¬

L'assunzione del lavoratore

L'assunzione rappresenta il momento iniziale in cui viene ad instaurarsi il rapporto di lavoro.

Con la Legge del 28.11.1996 n. 608 è stato abbandonato il vecchio sistema che faceva obbligo ai datori di lavoro di procedere all'assunzione dei soli iscritti nelle liste di collocamento mediante un'apposita richiesta all'ufficio del lavoro competente territorialmente (art. 11 L. 264/49), ed è stata introdotta la procedura di assunzione diretta (art. 9bis).

In base al disposto normativo vigente, i datori di lavoro procedono all'assunzione diretta di tutti i lavoratori per qualsiasi tipologia di rapporto di lavoro, salvo l'obbligo di assunzione mediante concorso, ove previsto per gli enti pubblici economici (art. 4bis, D.Lgs. 181/2000, introdotto dall'art. 6 D.Lgs. 297/2002).

L'unica formalità che permane per i datori di lavoro nel sistema di assunzione diretta è quella di effettuare una comunicazione agli uffici pubblici di collocamento (centri per l'impiego), territorialmente competenti, della data di assunzione, della scadenza del rapporto se esso non è a tempo determinato, dei dati anagrafici del lavoratore, della qualifica professionale, della tipologia contrattuale, nonché del trattamento economico e normativo.

L'art. 4bis sopra richiamato, stabilisce poi, che all'atto dell'assunzione, i datori di lavoro privati e gli enti pubblici economici, sono tenuti a consegnare ai lavoratori una dichiarazione sottoscritta contente i dati di registrazione effettuata nei libri matricola, nonché la comunicazione relativa alle condizioni di lavoro applicate di cui al D.Lgs. 152/1997.

Al riguardo si osserva che tale decreto legislativo, in conformità con la direttiva CEE n. 91/533, ha posto a carico del datore di lavoro (pubblico o privato) l'obbligo di fornire al lavoratore le seguenti informazioni:

  • l'identità delle parti;
  • il luogo di lavoro; in mancanza di luogo fisso o predominante, l'indicazione che il lavoratore è occupato in luoghi diversi, nonché la sede o il domicilio del datore di lavoro;
  • la data di inizio del rapporto di lavoro;
  • la durata del rapporto di lavoro, con la precisazione se so tratta di lavoro a tempo determinato ovvero indeterminato;
  • la durata del periodo di prova, laddove previsto;
  • l'inquadramento, il livello e la qualifica attribuiti al lavoratore, oppure le caratteristiche o la descrizione del lavoro;
  • l'importo iniziale della retribuzione e i relativi elementi costitutivi, con l'indicazione del periodo di pagamento;
  • la durata delle ferie retribuite cui ha diritto il lavoratore o le modalità di determinazione e di fruizione delle ferie;
  • l'orario di lavoro;
  • i termini del preavviso in caso di recesso.
È possibile che, per quanto riguarda l'informativa circa il periodo di prova, la retribuzione, le ferie, l'orario di lavoro ovvero il preavviso in caso di recesso, venga fatto esplicito richiamo alle norme del contratto collettivo applicato al lavoratore. È pure possibile che il datore di lavoro, in accordo con il lavoratore, stabilisca la durata delle ferie, la periodicità della retribuzione, i termini del preavviso e la durata normale giornaliera o settimanale di lavoro. Tali accordi dovranno essere registrati nel libro matricola in uso.

Data: 23.12.2009
Autore: Avv. Andrea Totò, Avv. Ilaria Denni

AVVERTENZE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa è possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale con sedi in Roma o Milano.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.
©2003-2011 DirittoeLavoro.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3 validator