Diritto e Lavoro, licenziamento, dimissioni Diritto e Lavoro, licenziamento, dimissioni

DirittoeLavoro.com

Informazioni e approfondimenti ¬

Congedo di maternitÓ e paternitÓ

Il congedo di maternitÓ Ŕ il periodo di astensione obbligatoria in cui c'Ŕ divieto assoluto di adibire la lavoratrice donna al lavoro.

Il periodo Ŕ normalmente individuato nei due mesi anteriori alla data prevista per il parto e per i tre mesi successivi.

Tale periodo Ŕ comunque flessibile, a scelta della lavoratrice, nel senso che pu˛, ad esempio, essere posticipato l'inizio al mese precedente la data prevista per il parto. In questo caso il periodo successivo al parto si estenderÓ per quattro mesi.

Il periodo pu˛ essere anticipato o prorogato a seconda del tipo di lavoro svolto, quando le condizioni di lavoro sono pregiudizievoli per la sicurezza e la salute della lavoratrice, oppure per l'esistenza di complicanze nella gravidanza.

Il congedo di paternitÓ (ovvero la possibilitÓ per il padre di usufruire del periodo di astensione obbligatoria) Ŕ previsto solo per alcune ipotesi particolari:

Un regime particolare Ŕ previsto per le lavoratrici a progetto e per il caso di adozione o affidamento.

Dal congedo di maternitÓ o paternitÓ si distinguono i congedi parentali, i riposi giornalieri e i congedi per malattia del figlio.


Data: 22.02.2010
Autore: Avv. Andrea Tot˛

AVVERTENZE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa Ŕ possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale con sedi in Roma o Milano.
Gli autori declinano ogni responsabilitÓ per errori od omissioni, nonchÚ per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.