DIRITTOeLAVORO.com
Diritto e Lavoro, licenziamento, dimissioni

Informazioni e approfondimenti ¬

Lavoro intermittente (o a chiamata)

Si ha lavoro intermittente (o lavoro a chiamata) quando, in base al contratto, il lavoratore si rende disponibile a svolgere attività lavorativa dietro singole richieste del datore di lavoro, quindi in maniera discontinua.

Il contratto di lavoro a chiamata può essere stipulato se previsto dai contratti collettivi, oppure durante i week-end, le ferie estive o le vacanze natalizie e pasquali.

È sempre consentito se si tratta di lavoratori di età inferiore ai 25 anni o con più di 45 anni, anche se pensionati.

È vietato ricorrere al lavoro intermittente per sostituire lavoratori che stanno esercitando il diritto di sciopero, oltre che per altre praticolari ipotei previste dalla legge.


Data: 23.04.2010
Autore: Avv. Andrea Totò

AVVERTENZE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa è possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale con sedi in Roma o Milano.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.
©2003-2011 DirittoeLavoro.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3 validator