DIRITTOeLAVORO.com
Diritto e Lavoro, licenziamento, dimissioni

Licenziamento collettivo

Le ragioni poste a fondamento dell'istituto del licenziamento collettivo sono principalmente di ordine pratico ed, infatti, tale istituto trova applicazione in tutte le ipotesi di eccedenze di personale delle imprese.

I motivi che determinano la situazione di eccedenza di personale possono scaturire da:

  1. un processo di trasformazione o di crisi aziendale per il quale sia stato concesso l'intervento straordinario della CIGS, nel caso in cui l'impresa ritenga di non poter garantire il rimpiego dei lavoratori eccedenti (c.d. messa in mobilità);
  2. la riduzione e trasformazione di attività o lavoro o cessazione di attività in seguito ai quali il datore di lavoro adotti la decisione di procedere a riduzione del personale (c.d. licenziamento collettivo per riduzione di personale).
Per la disciplina del licenziamento collettivo si deve fare riferimento alla Legge 223/1991 e successive modifiche.

AVVERTENZE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa è possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale con sedi in Roma o Milano.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.
©2003-2011 DirittoeLavoro.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3 validator