DIRITTOeLAVORO.com
Diritto e Lavoro, licenziamento, dimissioni

Informazioni e approfondimenti ¬

Processo del lavoro / Tentativo obbligatorio di conciliazione

Il rito del lavoro è caratterizzato dall'obbligo di esperire un tentativo di conciliazione stragiudiziale.

Tale tentativo può essere promosso:

  • dinanzi ad apposita Commissione di conciliazione istituita presso la Direzione Provinciale del Lavoro
  • avvalendosi delle procedure di conciliazione previste dai contratti collettivi (conciliazione sindacale)
Eventuali domande nuove, che non siano state portate dinanzi alla commissione di conciliazione sono improcedibili.

Il tentativo di conciliazione può dare esito positivo (con il raggiungimento dell'accordo su tutte le domande) o negativo (nel caso di mancato raggiungimento dell'accordo, o in caso di mancata presentazione di una delle parti). Se il tentativo non riesce, sarà formato processo verbale col quale sarà possibile iniziare il giudizio.

La domanda davanti al Giudice del lavoro potrà essere promossa trascorsi 60 giorni dalla promozione del tentativo di conciliazione, indipendentemente dal fatto che questo si sia già svolto.


Data: 21.01.2010
Autore: Avv. Andrea Totò

AVVERTENZE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa è possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale con sedi in Roma o Milano.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.
©2003-2011 DirittoeLavoro.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3 validator